bandiera

NO ALLA SOPPRESSIONE DEL CORPO FORESTALE DELLO STATO
NE' CC NE' PS PER NOI ESISTE SOLO IL CFS

Dove Siamo - Sede Nazionale

SINDACATO NAZIONALE FORESTALE

c/o Ispettorato Generale del CFS
Sede: Via G. Carducci, 5 - 00187 Roma
Tel. 3339392650 - 3339396794

Posta elettronica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito internet: www.sindacatonazionaleforestale.it

 

Leggi tutto...

Statuto SNF

Allegato "A" al rep. 482/306

S T A T U T O
del "<Sindacato Nazionale Forestale> (S.N.F.)".
 
Articolo 1
     E' costituito tra il personale in servizio del Corpo Forestale dello Stato aderente al presente statuto, il "Sindacato Nazionale Forestale (S.N.F.)".
Possono aderire al “Sindacato Nazionale Forestale (S.N.F.)” tutti gli appartenenti ai ruoli del Corpo forestale dello Stato di ogni ordine e grado, nonché il personale messo in quiescenza che avrà un regolamento a parte che ne disciplinerà diritti e doveri. L'Organizzazione sindacale, di seguito denominata S.N.F., ha sede in Roma, Via G. Carducci n. 5, e può istituire proprie sedi periferiche, presso le strutture territoriali del Corpo Forestale dello Stato. Il S.N.F. è apolitico ed apartitico. Nessun aderente al S.N.F. può essere discriminato a causa delle idee che manifesta al di fuori dell'attività sindacale.
 
Articolo 2
     Il S.N.F. ha le seguenti finalità:
L' Associazione Sindacale ha per scopo:
     - promuovere, curare, sviluppare ed organizzare i rapporti con altri sindacati, anche esterni al Corpo forestale dello Stato, allo scopo di pervenire, tra l'altro, alla costituzione di federazioni e di associazioni culturali, in autonomia;
    - studiare, coordinare, operare e promuovere ogni iniziativa per la tutela ed il raggiungimento degli interessi giuridici, economici, professionali, previdenziali, assistenziali, morali e materiali di natura collettiva degli associati al Sindacato;
    - curare e sviluppare i rapporti e le linee di solidarietà tra i componenti dell' Associazione Sindacale, gli appartenenti ai differenti ruoli dei dipendenti del Corpo forestale dello Stato;
     - elevare e sviluppare le capacità professionali, il patrimonio culturale e morale nonché il benessere degli iscritti all'associazione Sindacale, la loro preparazione e formazione al fine di arricchire e dare sempre maggior risalto al ruolo e alle specifiche competenze del Corpo Forestale dello Stato sul territorio;
     - rappresentare gli interessi dei propri associati in tutti gli organismi in cui sia richiesta e prevista una rappresentanza di categoria;
     - promuovere ed organizzare l'azione necessaria per la difesa degli interessi e dei diritti dei lavoratori iscritti;
- promuovere iniziative per socializzare e rendere partecipi gli appartenenti al CFS andati
 in pensione con proprie iniziative;
     - potrà promuovere tutte le iniziative ritenute idonee per l'attuazione degli scopi suindicati.
     Il raggiungimento delle predette finalità e tutte le relative iniziative sono intraprese in via generale direttamente dal S.N.F. a livello nazionale, tramite gli organi e strutture centrali, nonché su base regionale e provinciale con le strutture periferiche.
 
Articolo 3
      Il S.N.F. per le sue finalità è autonomo, indipendente, apartitico, non ha fini politici e non persegue scopi di lucro; è ispirato al principio democratico di partecipazione alle attività sociali da parte di tutti gli associati in condizioni di uguaglianza e di pari opportunità. Il S.N.F. inoltre può ed intende promuovere il dialogo ed il confronto con le componenti politiche e sociali che agiscono nel rispetto dei principi costituzionali.
 
Articolo 4
      Le domande di iscrizione, compilato l'apposito modulo, devono essere inviate alla sede nazionale del Sindacato.
L'accettazione delle domande è deliberata dalla Segreteria nazionale del Sindacato.
In caso di mancato accoglimento della domanda di iscrizione, è data facoltà di presentare il relativo ricorso, entro sessanta giorni dalla data della relativa comunicazione, al Consiglio nazionale la cui decisione è definitiva.
L'iscrizione si intende tacitamente rinnovata fino a quando non sarà presentata apposita disdetta scritta da parte dell'associato conformemente e secondo le modalità stabilite dalle vigenti disposizioni di legge e dalle norme attuative previste dall'Amministrazione in materia di deleghe sindacali ai fini dei requisiti di rappresentatività.
Per quanto riguarda le modalità di iscrizione per i pensionati, si rimanda al regolamento interno specificato.
 
Articolo 5
     Il patrimonio del S.N.F. è costituito dalle quote associative mensili, il cui importo è stabilito dal Consiglio nazionale, e da:
1) contributi ed erogazioni liberali;
2) proventi derivanti da iniziative finalizzate al perseguimento degli scopi statutari dell'ente.
Il patrimonio dell'associazione sindacale sarà impiegato in modo esclusivo nell'esercizio dell'attività istituzionale, per la realizzazione delle finalità stabilite dallo statuto.
In caso di scioglimento del sindacato, esclusione, recesso o in ogni caso in cui abbiano cessato di appartenere all'associazione, gli associati non possono ripetere i contributi versati, nè hanno alcun diritto sul patrimonio del sindacato.
 
Articolo 6
    Ogni iscritto che sia perseguito disciplinarmente o amministrativamente, a causa della sua azione sindacale, conserva l'integrità dei suoi diritti all'interno del S.N.F. ed in particolare la tutela e l'assistenza da parte dell'associazione sindacale.
 
Articolo 7
     In caso di scioglimento, per qualunque causa, il patrimonio del Sindacato sarà devoluto ad altra associazione con finalità analoghe o a fini di pubblica utilità.
 
Articolo 8
     Gli eventuali utili o avanzi di gestione saranno esclusivamente reinvestiti in opere ed attività volte a perseguire le finalità del Sindacato medesimo.
È esclusa la distribuzione in modo diretto od indiretto degli utili o avanzi di gestione, nonché di fondi o riserve o capitale.
 
Articolo 9
      E' istituito un sito Internet ed un organo ufficiale di stampa del S.N.F. Quest'ultimo è gestito a cura della Segreteria Nazionale, che nomina il Direttore responsabile ed il Direttore editoriale, ove il Direttore responsabile non sia un appartenente al Corpo Forestale dello Stato. E' fatto divieto a tutte le strutture del Sindacato, istituire organi ufficiali o di informazione senza l'autorizzazione del Consiglio Nazionale. Le pubblicazioni del Sindacato sono distribuite agli iscritti.
 
Articolo 10
Il simbolo ed il logo dell'Associazione Sindacale sono:
 - il simbolo è rappresentato dalla scritta "SINDACATO NAZIONALE FORESTALE" a carattere stampatello maiuscolo capeggiata al centro da un'aquila poggiata sulla bandiera nazionale italiana nel cui interno compare la scritta "MEMENTO AUDERE SEMPER"; sotto la parola SINDACATO è indicato l'indirizzo web "www.sindacatonazionaleforestale.org" e sotto la parola FORESTALE l'indirizzo della sede "Via Carducci, 5 - 00187 Roma";
 - il logo è composto dalla sigla "SNF", sormontato sulla lettera N dall'aquila e di seguito è riportato per esteso la scritta SINDACATO NAZIONALE FORESTALE sotto alla quale viene indicato l'indirizzo della sede "Via Carducci, 5 - 00187 Roma".
 
Articolo 11
     Il Segretario nazionale è il rappresentante legale e politico del Sindacato nella sua totalità e coordina tutte le attività della Giunta Nazionale. In caso di impedimento o di prolungata assenza, la rappresentanza di cui sopra, è affidata al Vice Segretario Nazionale o ad uno dei restanti membri della Giunta Nazionale, designato di volta in volta dallo stesso.
 
Articolo 12
    Il S.N.F., per il raggiungimento dei propri fini istituzionali, è così organizzato:
1) A LIVELLO PERIFERICO
 - Segreterie Provinciali, composte dai segretari e/o responsabili provinciali (organo esecutivo);
 - Congressi Provinciali, composti da tutti gli iscritti al sindacato (organo assembleare);
 - Segreterie Regionali, composte dai segretari e/o responsabili regionali (organo esecutivo);
 - Congressi Regionali, composti dai delegati nominati nei congressi provinciali (organo assembleare);
   - Segreterie Scuola, Ispettorato Generale e C.O.A. composti dai segretari (organoesecutivo);
   - Congressi della Scuola, Ispettorato e C.O.A., composti da tutti gli iscritti al sindacato della stessa struttura (organi assembleari).
2) A LIVELLO NAZIONALE
 - il Consiglio nazionale, composto dai segretari e/o responsabili regionali e la Giunta nazionale (organo assembleare);
 - la Giunta nazionale, composta dal Segretario nazionale e dodici membri (organo esecutivo);
 - il Collegio dei Probiviri;
 - il Collegio dei Sindaci.
 - il Congresso Nazionale.
Il S.N.F. può anche costituire nel proprio ambito settori, commissioni e gruppi di lavoro, per il perseguimento delle proprie finalità, su delibera del Consiglio nazionale.
 
Articolo 13
1) - La Struttura Provinciale è la base dell'associazione Sindacale.
Essa è composta da tutti gli iscritti all'associazione sindacale nella provincia di riferimento o, in caso di province con un numero di iscritti inferiore al minimo che verrà di volta in volta individuato dal collegio dei Probiviri in base al numero totale degli iscritti, anche di più province purchè limitrofe.
Ogni struttura provinciale sarà costituita da:
- un'assemblea detta "Congresso Provinciale", preseduta dal Segretario Provinciale, esso è costituito dall'assemblea generale degli iscritti. Fissa, nel proprio ambito, le direttive generali dell'attività sindacale e si pronuncia sulla relazione dell'attività svolta dalla Segreteria provinciale. Esso elegge i Segretari e/o responsabili provinciali ed i Delegati al Congresso regionale. Si riunisce in via ordinaria in concomitanza del Congresso regionale e nazionale. Le deliberazioni del Congresso sono prese a maggioranza semplice. La convocazione straordinaria può essere richiesta dalla maggioranza assoluta degli iscritti.
- un Segretario che potrà essere affiancato, a scelta dal congresso che lo nomina, da una giunta composta da due o più membri. Il medesimo congresso determinerà la distribuzione delle competenze tra i soggetti.
La Segreteria Provinciale ha il compito di curare i rapporti con gli organi periferici del Corpo Forestale dello Stato e di altre Amministrazioni interessate; di vigilare, nell'ambito di competenza, sull'osservanza delle disposizioni statutarie, di svolgere tutte le attività di pubblicazione e di divulgazione dell'associazione sindacale, di curare il proselitismo ed il tesseramento. Si riunisce, almeno una volta ogni 6 (sei) mesi su convocazione del Segretario Provinciale.
Essa ha sede, di norma, nel capoluogo di provincia.
 
Articolo 14
 - La Struttura Regionale è l'interlocutore tra la base del sindacato e la struttura centrale nazionale.
Essa è composta da:
- un organo assembleare detto "Congresso Regionale", presieduta dal Segretario Regionale, esso è composto dai Segretari provinciali, dai Delegati al Congresso regionale, dai componenti la Segreteria regionale uscente. Fissa, nel proprio ambito, le direttive generali dell'attività sindacale e si pronuncia sulla relazione dell'attività svolta dalla Segreteria Regionale. Esso elegge la Segreteria regionale e i Delegati al Congresso nazionale. Si riunisce in via ordinaria in concomitanza del Congresso nazionale. Le deliberazioni del Congresso sono prese a maggioranza semplice dei votanti. La convocazione straordinaria è deliberata dal Consiglio regionale o dal Consiglio nazionale a maggioranza dei due terzi dei propri componenti, o richiesta dalla maggioranza assoluta degli iscritti;
- un Segretario che potrà essere affiancato, a scelta dal congresso che lo nomina, da una giunta composta da due o più membri. Il medesimo congresso determinerà la distribuzione delle competenze tra i soggetti.
La Segreteria Regionale coordina le attività sindacali in ambito regionale, in sintonia con le direttive nazionali. Realizza, in ambito regionale, tutte le attività previste per le Segreterie Provinciali, tenendo informata tempestivamente la Giunta Nazionale. E' responsabile della gestione finanziaria a livello regionale. Si riunisce, se necessario almeno una volta ogni 6 (sei) mesi su convocazione del Segretario Regionale. Essa ha sede, di norma, nel capoluogo di regione. 
 
Articolo 14 bis
      Le strutture della Scuola, dell’Ispettorato Generale e del C.O.A., sono composte da:
- un organo assembleare detto “Congresso Scuola – Ispettorato Generale – C.O.A.”, presieduti dai rispettivi segretari, ed è composto da tutti gli iscritti del sindacato delle rispettive strutture. Fissa, nel proprio ambito, le direttive generali dell’attività sindacale e si pronuncia sulla relazione delle attività svolte dalle rispettive segreterie. Esse eleggono i rispettivi segretari e i delegati al Congresso Nazionale. Si riuniscono in via ordinaria in concomitanza del Congresso Nazionale. Le delibere del Congresso sono prese a maggioranza semplice. La convocazione straordinaria può essere richiesta dalla maggioranza assoluta degli iscritti.
- Un segretario che potrà essere affiancato, a scelta del Congresso che lo nomina, da una giunta composta da due o più membri. Il medesimo Congresso determinerà la divisione delle competenze tra i soggetti. Le rispettive segreterie coordinano le loro attività sindacali, in sintonia con la Segreteria Nazionale è responsabile della gestione finanziaria per la rispettiva struttura. Si riunisce, se necessario almeno una volta ogni sei mesi su convocazione del rispettivo segretario.    
 
Articolo 15
      Gli organi centrali del Sindacato sono:
1) Il Consiglio Nazionale è composto dai Segretari Regionali, dal Segretario della Scuola dall’Ispettorato Generale e dal C.O.A. e dai componenti la Giunta Nazionale. Il Consiglio nazionale è convocato dal Segretario nazionale in seduta ordinaria, almeno una volta ogni 6 (sei) mesi o quando la convocazione è richiesta da almeno due terzi dei suoi membri. E' il massimo organo deliberante tra un Congresso nazionale ed il successivo, è presieduto dal Segretario nazionale ed ha i seguenti compiti:
- definisce gli indirizzi di massima dell'attività sindacale ed organizzativa del S.N.F., sulla base delle deliberazioni del Congresso nazionale;
- delibera, in conformità alle norme statutarie e regolamentari, la convocazione del Congresso nazionale e dell'eventuale Congresso straordinario;
- approvare il bilancio dell'esercizio dell'anno precedente ed esaminare per l'approvazione, il bilancio preventivo, predisposti dalla Giunta nazionale;
- delibera la misura della quota associativa annuale di iscrizione e la misura del contributo sindacale, da versare tramite delega all'Amministrazione per la trattenuta sulle competenze;
- fissa la ripartizione percentuale dei contributi tra sindacato nazionale e sindacato periferico;
- esamina i ricorsi, di competenza;
- adotta le sanzioni, di competenza, previste dal presente Statuto.
Tale organo delibera a maggioranza dei presenti; è convocato dal Segretario Nazionale o da nove membri della Giunta Nazionale indicando l'ordine del giorno da trattare non meno di sette giorni prima della seduta al recapito fornito nella scheda di adesione e con mezzi che assicurino la ricezione.
2) La Giunta Nazionale è composta dal Segretario nazionale e da dodici membri nominati dal Congresso nazionale. La Giunta Nazionale al proprio interno elegge il vice segretario nazionale che sostituisce in assenza il segretario nazionale. La Giunta nazionale è la struttura principale che dirige operativamente le attività dell'associazione sindacale a livello centrale e ne assicura il regolare quotidiano andamento, ai suoi vari livelli. Vigila sulla realizzazione effettiva delle deliberazioni del Congresso e del Consiglio nazionale e assume qualunque decisione su tutte le questioni che rivestono carattere di urgenza, ferma restando la successiva ratifica da parte del Consiglio nazionale. Emana direttive alle strutture regionali e provinciali, sulle rispettive competenze. E' responsabile della gestione finanziaria a livello centrale, nel rispetto del bilancio preventivo. Presenta al Consiglio nazionale, per l'approvazione, il rendiconto consuntivo ed il bilancio preventivo. La Giunta nazionale si riunisce almeno 1 (una) volta ogni 2 (due) mesi.
Tale organo delibera a maggioranza dei presenti; è convocato dal Segretario Nazionale o da nove  membri della Giunta Nazionale indicando l'ordine del giorno da trattare non meno di sette giorni prima della seduta e con mezzi che assicurino la ricezione, al recapito fornito nella scheda di adesione; in casi di speciale e comprovata urgenza potrà essere convocata da ciascuno dei suoi componenti anche per vie brevi ed in tempi ridotti.
La Giunta nazionale designa i rappresentati del S.N.F., in commissioni interne ed esterne all'Amministrazione, enti o strutture, ove è prevista per legge o per regolamento, la rappresentanza sindacale, nel rispetto delle seguenti esigenze: massima funzionalità, elevato grado di rappresentatività e/o competenza; piena autonomia del Sindacato. La Giunta nazionale nomina, fermo restando la ratifica da parte del Consiglio Nazionale, i Dirigenti con incarichi Nazionali.
I designati e i dirigenti con incarichi nazionali, relazionano alla Giunta nazionale l'attività svolta, ricevono le relative istruzioni e segnalano tempestivamente i problemi che possono interessare il Sindacato.
3) Il Collegio dei Probiviri è il massimo organo di giustizia statutaria e di giurisdizione interna. E' eletto dal Congresso nazionale. Ha il compito di dirimere le controversie tra gli iscritti ed i vari organi del Sindacato e tra le organizzazioni verticali ed orizzontali di tutte le istanze sindacali. E' composto da quattro membri effettivi. Il Presidente è eletto, dal Collegio, tra i membri effettivi. I ricorsi al Collegio, devono essere presentati entro il termine perentorio di 30 (trenta) giorni dall'evento e devono essere definiti entro il termine di 90 (novanta) giorni dalla presentazione. Le pronunce sono immediatamente operative e devono essere debitamente motivate.
4) Il Collegio dei Sindaci ha il compito di: controllare l'amministrazione; verificare le entrate; controllare la regolarità delle spese; accertare l'esistenza e la destinazione delle eccedenze attive; richiedere agli organi competenti del Sindacato la documentazione inerente i bilanci preventivi ed i rendiconti consuntivi; presentare al Congresso nazionale una relazione complessiva sui bilanci, per il periodo intercorrente tra un congresso e l'altro. E' composto da quattro membri effettivi. Il Presidente è eletto, dal Collegio, tra i membri effettivi.
5) Il Congresso nazionale è composto dai Segretari Provinciali, dai Segretari Regionali, dai segretari della Scuola, Ispettorato e C.O.A., dai Delegati al Congresso nazionale, dai componenti la Giunta nazionale uscente, dai componenti i Collegi dei Probiviri e dei Sindaci uscenti e dai dirigenti con incarichi nazionali. Fissa l'indirizzo generale e le linee di politica sindacale del S.N.F. Si pronuncia sulle relazioni sindacali, organizzative e finanziarie. Delibera sulle modifiche allo Statuto. Esso elegge il Segretario Nazionale, la Giunta nazionale, il Collegio dei Probiviri ed il Collegio dei Sindaci.
Delibera sulla misura delle quote associative.
Le decisioni sono prese a maggioranza semplice dei votanti e salvo quelle relative alle modifiche allo statuto o allo scioglimento del Sindacato, per le quali necessita la maggioranza dei due terzi dei votanti. Si riunisce in via ordinaria una volta ogni 4 (quattro) anni. La convocazione straordinaria è deliberata dal Consiglio nazionale, a maggioranza dei due terzi dei suoi componenti, o richiesta dalla maggioranza assoluta degli iscritti. Il Congresso nazionale è convocato dalla Giunta nazionale, previa delibera del Consiglio nazionale. La data di svolgimento deve essere resa nota almeno 3 (tre) mesi prima.
 
Articolo 16
     Il Regolamento al presente Statuto è elaborato dalla Giunta nazionale ed approvato dal Consiglio nazionale, a maggioranza dei due terzi dei suoi componenti. Le modalità di svolgimento dei Congressi provinciali, regionali e nazionali sono disciplinate dalle norme regolamentari in materia, predisposte dalla Giunta nazionale e deliberate dal Consiglio nazionale.
 
Articolo 17
     Qualora venga accertata la grave e persistente inefficienza di una carica rappresentativa e/o esecutiva, o nel caso in cui questa abbia violato le norme statutarie, o la sua attività risulti di nocumento all'esistenza ed all'immagine del Sindacato, la Giunta nazionale può adottare le seguenti sanzioni:
- richiamo scritto;
- scioglimento degli organi direttivi e nomina di un Commissario straordinario. La gestione commissariale non può superare i 6 (sei) mesi, entro i quali dovrà essere indetto il relativo Congresso. Tale sanzione dovrà essere ratificata dal Collegio dei Probiviri.
L'iscritto al S.N.F. che viola le norme statutarie incorre, secondo la gravità della mancanza, nelle seguenti sanzioni:
- richiamo scritto;
- sospensione da 1 (uno) a 6 (sei) mesi dall'esercizio dei diritti di iscritto;
- espulsione, qualora l'attività del singolo si sia dimostrata dannosa alle disposizioni del Sindacato, di nocumento alla sua composizione morale, alla sua indipendenza politica o abbia violato gravemente le norme statutarie.
Tali sanzioni sono adottate dalla Giunta Nazionale. Avverso tali sanzioni è ammesso il ricorso al Collegio dei Probiviri.
L'appartenenza dei singoli iscritti al Sindacato cessa:
- per espulsione;
- automaticamente, per la soluzione del rapporto d'impiego con il Corpo Forestale dello Stato.
In tali casi l'iscritto decade immediatamente anche da eventuali cariche statutarie, ricoperte nell'ambito del Sindacato. Il trasferimento presso una sede di servizio posta fuori della giurisdizione del proprio congresso, comporta la decadenza immediata dalla carica.
Le assenze dalle riunioni di Organi Direttivi centrali e periferici, devono essere giustificate. Dopo 3 (tre) assenze consecutive non giustificate, l'assente decade dalla carica rivestita. La nomina dell'eventuale sostituto, sarà effettuata alla prima successiva riunione dell'organo competente.
Il personale posto in quiescenza, che ne faccia richiesta almeno trenta giorni prima della conclusione del rapporto d’impiego, rimane iscritto al SNF in qualità di pensionato.
 
Articolo 18
    Per le obbligazioni assunte dalle persone che rappresentano il sindacato i terzi possono far valere i loro diritti sul fondo comune. Delle obbligazioni stesse rispondono anche solidalmente e personalmente le persone che hanno agito in nome e per conto del sindacato, in ogni caso le strutture del S.N.F., nonché le persone che le compongono, gestendo fondi a loro assegnati, sono direttamente responsabili delle obbligazioni assunte verso chiunque e non potranno per qualsiasi titolo o causa, chiedere di essere sollevate dal Sindacato.
 
Articolo 19
    Tutte le cariche previste dal presente Statuto e dal suo Regolamento, hanno durata quadriennale e comunque tra un Congresso e l'altro, salvo eventuali decadenze e cessazioni previste dal presente Statuto e sono riconfermabili.
 
Articolo 20
   Tutte le cariche previste dal presente Statuto sono a titolo gratuito. Con delibera del Consiglio Nazionale ed in relazione alle disponibilità di bilancio, sono previsti rimborsi spese per i componenti degli organi direttivi.
 
Articolo 21
   Ai sensi dell'art.111, comma 4 - quinques, del DPR 22/12/1986 n. 917 e del Decreto Legislativo 04/12/1997 n. 460:
- è fatto divieto di distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale, durante la vita del Sindacato, salvo che la destinazione o la distribuzione non vengano imposti dalla legge;
- in caso di scioglimento del Sindacato, a qualunque causa esso sia dovuto, è fatto obbligo di devolvere il patrimonio del Sindacato stesso, ad altra struttura sindacale con finalità analoghe o a fini di pubblica utilità, salvo diversa destinazione imposta dalla legge, sentito l'organismo di controllo previsto dall'art. 3 comma 190, della legge 23/12/1996 n. 662;
- la qualità di iscritto e/o associato è intrasmissibile. In caso di cessazione di rapporto associativo tra il Sindacato e gli iscritti e/o associati, questi ultimi o i loro eredi o aventi causa non hanno diritto alcuno sul patrimonio del Sindacato medesimo e sulle quote e/o contributi a questo versati;
- è fatto obbligo di redigere ed approvare annualmente un rendiconto economico e finanziario secondo le norme del presente statuto.
 
Articolo 22
   Il Consiglio Nazionale può deliberare modifiche al presente statuto con la maggioranza dei due terzi degli aventi diritti al voto.
Per quanto non previsto nel presente Statuto si fa riferimento alle norme dettate in materia dal Codice civile ed al Regolamento di attuazione dello stesso statuto, una volta ratificato dal Consiglio nazionale.
Leggi tutto...

Plurimax Srl (Agenzia Augusta Assicurazioni)

Il Sindacato Nazionale Forestale ha stipulato per tutti i propri iscritti una convenzione molto vantaggiosa con la Plurimax Srl (Agenzia Augusta Assicurazioni)

scarica la convenzione

__________________________________________________________________

Il Sindacato Nazionale Forestale ha stipulato per tutti i propri iscritti una convenzione molto vantaggiosa con il CAF del MCL (Movimento Cristiano Lavoratori)

scarica la convenzione

__________________________________________________________________

Il Sindacato Nazionale Forestale ha stipulato per tutti i propri iscritti una convenzione molto vantaggiosa con il negozio online Montagna Dimensione Verticale di Rieti sito web: www.dimensioneverticale.com

scarica la convenzione

__________________________________________________________________

Il Sindacato Nazionale Forestale ha stipulato per tutti i propri iscritti una convenzione molto vantaggiosa con l'Agos Ducato Società di servizi finanziari, per prestiti personali a codizioni dedicate.

scarica la convenzione

Leggi tutto...

Terremoto

  • Terremoto1
  • Terremoto2
  • Terremoto3
  • Terremoto4
  • Terremoto5
  • Terremoto6
  • Terremoto8
  • Terremoto10
  • Terremoto11
  • Terremoto12
  • Terremoto13
  • terremoto14
  • Terremoto15
  • Terremoto17
  • Terremoto18
  • Terremoto20
  • Terremoto22
  • Terremoto23
  • Terremoto24
  • Terremoto25